Bacche Goji

Da qualche tempo a questa parte non si fa altro che parlare delle Bacche di Goji, o goji berries in inglese, ma cosa sono? Si tratta di frutti selvatici di alcuni arbusti che crescono nella Cina Settentrionale con ricche proprietà benefiche di questi frutti e delle sue particolari doti antiossidanti. Molte sono le domande e le voci che circolano intorno a bacche, semi di goji e proprietà benefiche, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza e capire di cosa si tratta.

Il nome “goji” è coniato dal termine cinese che sta a significare “bacche”, sono frutti originari dell’Himalaya, Nepal e Mongolia, ma sono utilizzate da millenni in Cina e solo da qualche anno sono arrivate in Europa. Le bacche crescono in modo totalmente selvatiche e proprio per questo motivo le bacche di goji hanno delle proprietà uniche e che restano inalterate nel tempo.

Bacche Goji proprietà uniche

bacche di goji proprietàIn Cina questi frutti selvatici sono molto apprezzati ed è un alimento che è presente in tavola quasi sempre, si tratta di un rimedio naturale di grande efficacia che aiuta a mantenere il corpo più giovane, proprio per questo motivo sono soprannominate anche “frutto della longevità”. Non è un caso, infatti, che le popolazioni della Cina del Nord e della Mongolia sono tra le più longeve del mondo ed anche coloro che sono affette meno dalle malattie come tumori e problemi cardiovascolari.

Esistono vari tipi di bacche e di  semi di goji, ma la qualità migliore è la “Xing Dal”, ha dei principi attivi migliori e una qualità nettamente superiore rispetto alle altre specie. Le proprietà delle bacche di Goji sono ormai famose in tutto il mondo, questi frutti sono di colore rosso, e sono ricche di proteine, carboidrati, sodio, zucchero, fosforo, calcio, potassio, manganese, lipidi e omega 3 e 6, magnesio, vitamine C, E, B1, amminoaicidi, fibre, carotene, fibre e molti altri elementi. In particolare la quantità di Vitamina C è molto più elevata di quella presente nelle arance.

Le goji berries sono molto utili per tenere sotto controllo il colesterolo e la pressione sanguina, inoltre sono molto utili per mantenere un buon metabolismo e il tono muscolare per aumentare anche la resistenza fisica del nostro corpo. Ovviamente non se ne possono consumare a chili, quindi è bene tenere ben presenti le controindicazioni sulle bacche di goji e le proprietà.

Bacche di Goji controindicazioni e consigli

Il troppo fa male, è un qualcosa di risaputo e proprio per questo motivo per usare le goji berries si deve procedere con cautela. Esistono delle dosi consigliate da consumare al giorno ed i medici, e gli esperti, consigliano di non eccedere.  E’ consigliato di integrare questo alimento con uno stile di vita sano per adulti, anziani, bambini e anche vegani, sono ottime per mantenere il peso corporeo.

Le bacche di Goji hanno delle controindicazioni dunque, i medici affermano che l’assunzione giornaliera non deve superare i 3 cucchiai, in ogni caso è sempre bene parlarne con il proprio dottore per verificare se sono compatibili con la vostra alimentazione o se ne siete allergici. E’ sconsigliato l’uso di questi frutti selvatici se state assumendo medicinali per ipertensioni, diabete o anticoagulanti, inoltre le bacche di goji sono molto pericolose per coloro che sono allergici ai pomodori.

Ma allora sono buone o no queste bacche? Ne abbiamo parlato ed abbiamo approfondito l’argomento in uno dei nostri post sulle controindicazioni e sovvradosaggio delle bacche di goji. Vi consigliamo di vedere anche questo video per capire meglio e approfondire l’argomento.

Benefici delle bacche di Goji

Le proprietà delle goji berries sono state confermate da studi scientifici, dove emerge che questi frutti selvatici sono molto potenti, ma resta sconsigliato l’utilizzo di succhi concentrati.

Inoltre le goji berries sono quelle antiossidanti e dimagranti e sono utilizzati anche per prevenire il cancro, inoltre sono utilissimi per prevenire le malattie degli occhi grazie al carotene e luteina. Inoltre, sono utilissime per la disintossicazione del fegato, sostenere lo stress e aumentare anche l’elasticità della pelle.

Ma è possibile coltivare le bacche di Goji?

semi di gojiE’ possibile comprare i semi di goji e coltivarli, il periodo migliore è piantarli durante la primavera, oppure potete direttamente comprare delle piantine già cresciute e travasarle quando è necessario. Fate attenzione se coltivate questo tipo di arbusti perché sono piene di spine e potreste farvi del male.

E’ consigliato inoltre esporre queste piantine ad una forte luce solare affinché crescano al meglio. Il periodo di fioritura dei semi di goji è maggio, giugno e luglio, per poter raccogliere le bacche si dovrà attendere però l’estate quando finalmente saranno commestibili e maturate.  Una volta coltivate e raccolte le bacche di goji devono essere essiccate e conservate in barattoli con una chiusura ermetica. Successivamente, una volta che sono state essiccate possono essere consumate e utilizzate per preparare ricette particolari o per fare infusioni. E’ consigliato evitare di assumere succhi concentrati delle bacche di goji, il motivo? Si potrebbe superare la dosi giornaliera consigliata.

Benefici secondo la medicina Cinese Tradizionale:

  • Un sistema immunitario rinvigorito e sano
  • Un aumento della vista
  • Protezione del fegato
  • Miglioramento delle attività intestinali
  • Salute nello sperma e capacità riproduttive
  • Neuro-protezione
  • Miglioramento della circolazione.
  • Capacità antiossidanti (è il migliore)
  • Aumento del Yin corporeo.

Al suo interno troviamo:

  • 8 tipologie di vitamine
  • Una presenza massiccia di Vitamina C
  • 12 Minerali
  • Polisaccaridi, 8 tipi
  • Una serie di grassi insaturi acidi (circa 5)
  • 5 Acidi Grassi insaturi
  • Minerali antiossidanti
  • 18 Aminoacidi
  • 8 Polisaccaridi
  • Isoleucine
  • 5 Carotenoidi

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>